LA VOLPE E LA BAMBINA

Posted by in Articoli

In questo articolo voglio raccontarvi di una bambina, il suo nome è Martina, credo che oggi frequenti la scuola media.

Proposi di far vedere ai bambini questo film circa sette anni fa, dopo essere stato folgorato dalla sua bellezza, uno di quei film che ti fanno piangere e alleggeriscono i pensieri rumorosi.

Dopo la proiezione, non sapevo darmi rispoosta, i bambini erano un pò annoiati, o forse stanchi per la lunghezza del film, sicuramente impegnativo per bambini di cinque e sei anni, ma nessuno scappo via è riuscimmo ad arrivare alla fine!

Dopo il film c'è stata una lunga conversazione sul messaggio che il regista voleva trasmettere per mezzo di immagini, abbiamo ricostruito insieme la storia della protagonista, le sue paure, ll suo coraggio, i suoi desideri impossibili di bambina, il rapporto con la natura, con la vita e con la morte.

Martina scoppiò in lacrime, era fortemente addolorata per la morte accidentale della volpe. Aveva capito!, anche se le riprese non si soffermarono sulla scena che l'animale era morto, lasciando soli i suoi cuccioli. 

E adesso?, cosa racconterà Martina a sua mamma!, e come reagirà lei, ero un pò preoccupato di essere frainteso nelle intenzioni; far vedere un documentario che spiega la realtà della vita senza nascondere nulla, compresa la morte.

La risposta della mamma fu di entusiasmo e sorpresa, la bambina rassicurò la mamma sulle sue emozioni e insieme trovarono l'occasione per parlare di un lutto che aveva colpito da poco tempo la loro famiglia. 

Forse è stata Martina a chiedermi di proiettare il film? , o diversamente una mia intuizione di aiuto ? 

C'è una magia che appartiene al mondo dei bambini che noi non capiamo e sentiamo più, se potessimo dare una definizione di adulto potremmo usare questo termine " bambino ridotto". Perchè sente di meno, si interroga di meno, piange di meno e cosi via….. 🙂