CHE COSA E’ LA CREATIVITA’

Più che uno skill, una capacità che si può imparare, è un mindset: un atteggiamento mentale che va coltivato. È pensiero flessibile, aperto, rispettoso… comprende la possibilità di imparare dal fallimento e l’attitudine a esplorare lacune e incongruenze. Pensiero critico e pensiero creativo sono diversi: il primo è capace, applicando strumenti analitici, di intercettare le risposte sbagliate, ma il secondo riesce a individuare le domande sbagliate […]

VIOLENZE RIMOSSE

L’opinione pubblica è ancora ben lontana dall’essere consapevole che tutto ciò che capita al bambino nei suoi primi anni di vita si ripercuote inevitabilmente sull’intera società, che psicosi, droga e criminalità sono l’espressione cifrata delle primissime esperienze. (…) Poiché non credo nell’efficacia delle ricette e dei consigli, ritengo che il mio compito non stia tanto nel lanciare appelli ai genitori affinché trattino […]

OGGETTO DELLA RELAZIONE

La costruzione del vero Sè o del falso Sè secondo Winnicott Winnicott (1960) pensa che vi sia un Sé “potenziale o nucleare”, espressione di “una potenzialità ereditaria di sentire la continuità dell’esistenza e di acquisire a modo proprio e con un proprio ritmo una realtà psichica e una schema corporeo personali” . Proprio lo stretto legame che vi è fra mente e […]

I CENTO LINGUAGGI DEI BAMBINI

Forse c'è qualcosa di più delle solite e noiose attività svolte a scuola dai bambini, spesso a riempimento di giornate che  sembrano non finire mai, per i bambini, ma soprattutto per insegnanti ed educatori. Perdonatemi lo sfogo, ma non posso tenermi dentro il "fastidio" che provo a vedere i bambini riempire di colore senza emozioni infinite quantità di fotocopie senza anima  e" tutte uguali". Credo […]

PEDAGOGIA DEL CORPO

Il giocare, il gioco costituisce il più alto grado dello sviluppo del bambino, dello sviluppo dell'uomo in questo periodo.Poiché è la rappresentazione libera e spontanea dell'interno, la rappresentazione dell'interno per necessità ed esigenza dell'interno stesso.Il gioco è la manifestazione più pura e spirituale dell'uomo in questo periodo e insieme l'immagine e il modello della complessiva vita umana, dell'intima, segreta vita […]

IL BAMBINO TERRIBILE

  CONFERENZA DI BERNARD AUCOUTURIER : “IL DISAGIO INFANTILE IN FAMIGLIA E A SCUOLA". Difficoltà di comportamento e di apprendimento scolastico:   "  proposte educative e pedagogiche "   Università Bicocca – Milano – 6 marzo 2014   Il corpo nel contesto accademico è un corpo di cui si parla accostandolo con sguardo patologizzante. Ma sembra che a breve assisteremo a classi […]

RADICI

«Perché gli alberi hanno una gamba sola?», mi ha chiesto una volta un bambino cogliendone la caratteristica che, insieme al legno che ne forma i tessuti, più li distingue nel mondo vegetale. Mettendo da parte la botanica, ho risposto che a loro basta, perché sono gli esseri che meglio tengono in equilibrio se stessi, il pianeta e gli uomini. I […]

EDUCARE CON LE FIABE

Le fiabe, le favole, i racconti sono un genere narrativo che permette ai bambini di esprimere la propria vita interiore, le proprie emozioni, i sentimenti, la fantasia e di utilizzare la lingua nella sua funzione immaginativa per creare un mondo proprio, attraverso il gioco della finzione e dell'invenzione fantastica. Attraverso la proposta di storie, racconti, fiabe e favole classiche si […]

LA VOLPE E LA BAMBINA

In questo articolo voglio raccontarvi di una bambina, il suo nome è Martina, credo che oggi frequenti la scuola media. Proposi di far vedere ai bambini questo film circa sette anni fa, dopo essere stato folgorato dalla sua bellezza, uno di quei film che ti fanno piangere e alleggeriscono i pensieri rumorosi. Dopo la proiezione, non sapevo darmi rispoosta, i bambini […]

LASCIA CHE TI RACCONTI

L'elefante incatenato – Jorge Bucay   Quando ero piccolo adoravo il circo, ero attirato in particolar modo dall'elefante che, come scoprii più tardi, era l'animale preferito di tanti altri bambini. Durante lo spettacolo faceva sfoggio di un peso, una dimensione e una forza davvero fuori dal comune… ma dopo il suo numero, e fino ad un momento prima di entrare […]

VALORI

I valori sono la polpa dell'educazione; sono come il profumo della lavanda, senza profumo è solo fieno. Così l'educazione, senza Valori perde tutto, non esiste nemmeno si riduce ad allevamento.  Don Pino Pellegrino.     Se possiamo lasciare ai nostri allievi un dono, facciamo che sia l'entusiasmo. Non abbiamo mai smesso di incoraggiarli, e proteggerli dalle paure del non essere in grado.. esaltando  sempre […]

DIALOGO CON UNA MAESTRA

In questo articolo, voglio raccontarvi di una conversazione avvenuta alcuni anni fà con una collega della scuola dell’infanzia. Ero come mio solito fare, soffermarmi qualche minuto tra le classi nel momento dell’ingresso in aula, quando i bambini, spinti da un accordo non verbale mi si sono gettati addosso con evidenti ed energici gesti di affetto. Mantenere l’equilibrio e non cadere per […]

LA FELICITA’ E LA CREAZIONE DI VALORE.

Secondo Makiguchi l’uomo è felice e realizza il suo potenziale creando valori di varia natura: materiali, etici ed estetici. La felicità cui Makiguchi fa riferimento è, pertanto, una felicità pragmatica, che emerge dalla capacità dell’individuo di sapersi coinvolgere totalmente nelle vicende umane proprie, degli altri e della comunità, in una sorta di commistione di bene pubblico e privato. Egli propone […]

I BISOGNI SI OSSERVANO DALL’AGIRE

Un bambino che da zero a sei anni vuole agire, muoversi continuamente,non può capire le esigenze di un insegnante che deve andare di fretta per concludere la sua intenzione. La lentezza, serve al bambino per organizzare e strutturare il  suo pensiero,  necessario a prepararsi a quello che dovrà superare nella crescita. I bambini non vivono nel tempo, ma se noi togliamo a loro " tempo"  limiteremo gli […]

IL BAMBINO NATURALE

Alla base della concezione pedagogica di Rousseau si ritrova la forte opposizione tra natura e cultura: allo stato di natura l’uomo vive in una condizione di uguaglianza e libertà, nella società e con la cultura si trova costretto tra imposizioni e disuguaglianza. Sulla base di queste premesse l’autore postula che l’educazione debba necessariamente essere naturale. Cosa egli intenda esattamente per “naturale” […]

NUOVO MONDO

    Il bambino che ha sentito fortemente l’amore all’ambiente e agli esseri viventi, che ha trovato gioia ed entusiasmo nel lavoro, ci fa sperare che l’umanità possa svilupparsi in un senso nuovo. La nostra speranza per la pace futura non risiede negli insegnamenti che l’adulto può dare al bambino, ma nello sviluppo normale dell’uomo nuovo. Maria Montessori

RELAZIONE COME AIUTO

Un essere umano non può dirsi tale perchè è nato, ma perchè assume se stesso come progetto da realizzare nel mondo. Jean Paule Sartre     Le persone chiedono aiuto per lo più per risolvere una situazione che non sono in grado di affrontare da soli. Questa è una caratteristica naturale nel bambino. Coloro che si trovano in una condizione […]

LA FIDUCIA DI BASE

La fiducia di base è la matrice di un pensiero libero e creativo. Senza la fiducia di base, il bambino rischia di cadere nell'angoscia del pensiero difensivo, e quindi nella sofferenza della paura. E' quello che accade quando si rimette la colpa agli altri per qualsiasi evento traumatico dell'esistenza. Quando si pensa che il mondo sia un luogo pieno di minaccie e noi vittime […]

MAESTRI

Manzi trova nella psicomotricità, introdotta in Italia negli anni settanta, una preziosa alleata per le sue molteplici applicazioni, oltre a quella terapeutica con cui era stata inizialmente conosciuta ed introdotta. Ne ammirò le potenzialità educative e preventive, che si potevano esprimere attraverso il movimento, che era un’abilità da sviluppare, come tante altre, poiché costituiva una prerogativa naturale ed una imprescindibile […]

LE EMOZIONI PRIMARIE

L’educazione emotiva nella scuola dell’infanzia La competenza emotiva così definita include abilità come: esprimere adeguatamente le proprie emozioni in base alle circostanze, riconoscerle negli altri, essere consapevoli di quello che si prova, sapervi dare un nome, entrare in risonanza empatica con le emozioni altrui senza esserne sopraffatti, utilizzare strategie di regolazione per modulare la propria esperienza così come la propria […]

SENZA PAURA

La paura si supera solo affrontandola! Capita di non trovare il coraggio interiore di affrontarla, allora diventa fondamentale che qualcuno ci spinga con amore ad indagare il nostro mondo interiore. Il coraggio per il bambino è ancora più difficile destreggiare, ecco allora in suo aiuto gli strumenti della tradizione letteraria. Nel racconto di sè il bambino ascolta le sue paure […]

ROUTINE E RITUALI

Tutti i rituali, anche quelli di ogni giorno, a cui non facciamo caso, hanno un significato più profondo. Alcuni rituali inoltre richiedono degli ingredienti, che dovrebbero essere preparati in anticipo. Con i bambini la preparazione è il segreto e gli ingredienti sono spesso piuttosto semplici. Ogni rituale ha un inizio, uno svolgimento e una fine. Ogni volta che si ripete […]

L’ATTIVAZIONE NEUROMOTORIA DELLE PRASSIE

Gli attuali sviluppi delle neuroscienze confermano alcune teorie dello sviluppo, soprattutto quelle piagetiane, come un fenomeno che procede per fasi, in cui il superamento di uno stadio, si rileva necessario per quello che lo segue. La dimostrazione non è solo scientifica, ma si può constatare ogni giorno, in quanto sempre più bambini presentano fenomeni di disorganizzazione, a causa del cambiamento […]

CAPACITA’ COGNITIVE NEI BAMBINI

Capacità cognitive nei bambini: il linguaggio e la cognizione numerica Grazie a tecniche di brain imaging non invasive è stato possibile comprovare con dati sperimentali l’esistenza di tali capacità cognitive nei bambini. Dopo aver descritto le prime capacità cognitive nei settori del linguaggio e del numero, sono stati passati in rassegna i risultati recenti che sottolineano la forte continuità tra […]

INTELLIGENZE MULTIPLE

La teoria delle intelligenze multiple è stata inserita nel libro ‘Frames of the Mind’, scritto nel 1983 e conosciuto in Italia come ‘Formae mentis’, in cui si sosteneva l’esistenza di diverse forme di intelligenza in aggiunta a quelle già conosciute. Secondo Gardner, i test usati per misurare l’intelligenza sono volti a rilevare soltanto due tipi di intelligenza: quella linguistica e […]

LA COMUNICAZIONE E LA RELAZIONE EDUCATIVA

Il termine comunicare deriva dal latino “communicare”, da “communis” “comune” che significa trasmettere, partecipare agli altri messaggi tramite segni, parole, relazioni. Affinché la comunicazione possa avvenire è necessario che vi siano almeno due soggetti: un emittente e un ricevente. Si crea, così, una bidirezionalità vale a dire una dinamica relativa a parole, gesti, sguardi che passa da un individuo all’altro. […]

FILOSOFIA DEL CORPO

«Tra tutte le cose spaziali della mia sfera universale pratica il “mio” corpo è la più originariamente mia, la mia proprietà originaria, la mia proprietà duratura, duratura nella mia disposizione, la più originaria e l’unica immediata che è a mia disposizione. Ciò di cui (da bambino) mi sono appropriato come prima cosa e immediatamente e che ora è organo, è […]

IL SENSO DEL GIOCO

Le cose che il bambino ama rimangono nel regno del cuore fino alla vecchiaia, la cosa più bella della vita è che la nostra anima rimanga ad aleggiare nei luoghi dove una volta giocavamo. Kahlil Gibran Il gioco è essenziale per lo sviluppo, perché contribuisce al benessere cognitivo, fisico, sociale ed emotivo dei bambini. Il gioco è necessario per aiutarli […]

LA MENTE FOTOGRAFA L’AZIONE , IL CUORE LA SPIEGA

In questo articolo voglio parlarvi del gioco simbolico. Il gioco simbolico è un processo, che si differenzia nell’ età e nello sviluppo psicomotorio del bambino. Non segue per tutti ha la stessa evoluzione, in quanto si arricchisce in relazione alle esperienze vissute dal bambino, più il bambino acquisisce capacità nel muoversi e di linguaggio, più saprà creare con l’immaginazione e […]

IL BAMBINO SILENZIOSO ” IL PESO DELLE PAROLE “

Competenza senza conoscenza. Sono queste le parole che Charles Darwin usò per descrivere le facoltà con cui la natura imprime la sua presenza nel mondo. Basterebbe avere un minimo di spirito di attenzione per renderci immediatamente conto di questa verità. La natura si evolve senza sapere come. Il bambino, nella sua evoluzione dallo stato di neonato alla fanciullezza riprende fedelmente […]

DA DOVE INIZIA IL MOVIMENTO ?

“La sorprendente struttura del corpo umano con le sue incredibili possibilità d'azione rappresenta uno dei maggiori miracoli dell'esistenza. Ogni fase del movimento, ogni minimo trasferimento di peso, ogni singolo gesto di qualsiasi parte del corpo rivela un aspetto della nostra vita interiore. Ogni movimento ha origine da una sollecitazione interna, causata da una impressione sensoriale immediata o da una complicata […]

IL BAMBINO E LA SCUOLA

La scuola è un luogo dove si impara ad osservare il mondo. Senza avere nessun punto di vista e senza giungere a nessuna conclusione. La scuola deve ispirare la libertà e l’immaginazione. Molti pensano che crativi si nasca, come si nasce biondi o mori, pensando che ci sia ben poco da fare per svilupparla. La creatività è un linguaggio e […]

CORRI SALTA LANCIA

Ogni volta che si compie una azione il bambino si muove con schemi corporei NATURALI e INTUITIVI. La prima azione è il correre, sempre quando si apre davanti a se uno spazio esplorabile che attrae il piacere della scoperta. Segue il lanciare gli oggetti per sondare cosa accade senza esporsi a rischi in prima persona ma con la mediazione di […]

Guardami

I bambini dicono spesso la parola guardami quando giocano interagendo con il mondo, soprattutto in presenza di un adulto sensibile. Che sia un geniitore , un parente, o un educatore; il bambino desidera che sia presente nel suo agire. Vuole che si sintonizzi con lui nel momento presente della sua esperienza. Ogni distrazione causa in lui insicurezza e paura. Questo […]

Posso giocare

Penserete che ai bambini si debba insegnare…. in realtà non è così, anzì è dannoso insegnare ai bambini. Il bambino è già alla nascita l’uomo che diverrà, quindi ogni insegnamento è inutile. Nel suo cammino il bambino impara con le sue esperienze a scoprire chi è ed il suo destino. E per farlo ha bisogno di guide amorevoli.

Fuori tempo

C’è un tempo per per ogni aspetto dell’essere. Il tempo della mente, il tempo del corpo, il tempo dei sogni e il tempo dell’anima.. Per saper introdurre i bambini nella complessità del mondo spirituale bisogna conoscere l’essere umano e le leggi che governano il creato. C’è un tempo , ma anche un non tempo…