AMORE E DEVOZIONE

Un insegnante dovrebbe essere come un istruttore di Educazione fisica: deve dare la dimostrazione pratica degli esercizi che gli alunni dovranno eseguire. Quindi deve dedicarsi con amore e devozione alla sua attività ed essere per i suoi studenti un vero esempio. Allora le lezioni resteranno impresse nel cuore degli allievi. La sincerità e la devozione […]

read more >

FORZA E CORAGGIO

Icaro è un ragazzino di nove  anni, soprannominato Courgette, che vive da solo con la madre. Suo padre ha lasciato sua  madre che motiva spiegando a Icaro che suo padre ha fatto il giro del mondo con una pollastra.  «Zucchina, il nostro eroe, ha attraversato molte difficoltà e, dopo aver perso la madre, crede di essere solo al […]

read more >

META COGNIZIONE

Lo sviluppo della “didattica metacognitiva” è stato massicciamente affrontato nella letteratura ad opera di vari studiosi, proprio in base al fatto che essa va a rinforzare non solo le competenze di base, ma anche quelle trasversali (come i processi cognitivi superiori quali attenzione e memoria). Innanzitutto, occorre effettuare un lavoro volto a rendere consapevole il soggetto del […]

read more >

GIFTEDNESS

I bambini sono dotati quando le loro capacità sono significativamente al di sopra della norma per la loro età. Il dono può manifestarsi in uno o più ambiti quali: intellettuale, creativo, artistico, di leadership, o in uno specifico campo accademico come le arti linguistiche, la matematica o le scienze. E’ difficile stimare il numero assoluto […]

read more >

FIGLI DELLA LIBERTA’

I figli sono come gli aquiloni: gli insegnerai a volare, ma non voleranno il tuo volo. Gli insegnerai a sognare, ma non sogneranno il tuo sogno. Gli insegnerai a vivere, ma non vivranno la tua vita. Ma in ogni volo, in ogni sogno e in ogni vita rimarrà per sempre l’impronta dell’insegnamento ricevuto. Madre Teresa […]

read more >

L’INTELLIGENZA DEL CUORE

“Essere te stesso in un mondo che prova costantemente a farti diventare qualcos’altro è il più grande successo”. Ralph Waldo Emerson  “Stiamo cercando di creare un mondo più connesso a livello del cuore”. Questa vita non è solo morbida e appiccicaticcia. E’ intelligente, intuitiva ed ha una qualità dinamica che ci permette di prendere parte […]

read more >

IL POTERE DELL’IMMAGINAZIONE

Se volete i vostri figli intelligenti, raccontategli delle fiabe, e se li volete ancora più intelligenti raccontategniene di più. Albert Eistein «Se sei intrappolato in una situazione impossibile, in un posto sgradevole, e qualcuno ti offre una via di fuga temporanea, perché non dovresti prenderla? I libri e l’immaginazione fanno questo: aprono una porta, mostrano […]

read more >

COGNITIVISMO E MOTIVAZIONE

Un uomo non è una pietra, perché è una fonte diretta di energia; non è una macchina, perché la direzione del comportamento risultante dalla sua energia viene interamente da dentro di lui. De Charms La Teoria dell’Autodeterminazione (Deci e Ryan, 1985) sostiene che il benessere di un individuo è il risultato della soddisfazione di tre bisogni […]

read more >

LA LEGGE DEL DESIDERIO

Orientarsi tra le Stelle alla scoperta della rotta, così il cielo si presenta come la mappa che indica la via del ritorno a casa, o meglio ancora la direzione della nostra vocazione (dono e talenti). Desiderare è una avventura, implica coraggio e non ha sentieri prestabiliti. Può anche nascondere imprevisti e abissi, se ciò che […]

read more >

PRODURRE L’IMMAGINARIO

Il piacere che danno una conversazione animata, un pranzo tra amici, un buon ambiente di lavoro, una città dove ci si sente bene, la partecipazione a questa o quella forma di cultura (professionale, artistica, sportiva ecc.), e più in generale tutte le relazioni con gli altri. La maggioranza di questi “beni”, la cui base per eccellenza è la vita sociale, esistono soltanto se se ne gode insieme. Il “relazionale” è la parte migliore delle gioie (e dei dolori) […]

read more >

LINGUAGGIO E CREATIVITA’

L’uomo possiede la capacità di costruire linguaggi, con i quali ogni senso può esprimersi, senza sospettare come e che cosa ogni singola parola significhi. Il linguaggio comune è una parte dell’organismo umano non meno complicato di questo. Ludwic Wittgenstein Il linguaggio è una attività, uno strumento che permette molti usi, che rende possibili operazioni diverse. […]

read more >

GRUPPO O SQUADRA?

Fatti non foste a viver come bruti,ma per seguir virtute e conoscenza. Canto di Ulisse ” La Divina Commedia”. Da quando l’uomo ha iniziato a vivere in comunità, ha sviluppato due caratteristiche di specie : il linguaggio il ruolo nel gruppo Il linguaggio si è sviluppato grazie all’astrazione simbolica e ai rituali religiosi. Intendiamo religioso […]

read more >

IL DONO DEL TALENTO

 "Educazione uguale per tutti vuol dire dare a chiunque le stesse possibilità, non insegnare a ognuno allo stesso modo" David Henry Feldman   Maria Sofia ha cinque anni. Quando l'ho conosciuta era una bambina anticipataria di due anni e mezzo, con tutte le qualità e i limiti dei bambini gifted. Mi accorsi subito dal suo sguardo che […]

read more >

DOVE ABITANO LE FUNZIONI

“La vita deve essere vissuta come gioco, si può scoprire di più su una persona in un'ora di gioco, che in un anno di conversazione.”  Platone   Cosa vuole dirci Platone con questo pensiero? Se vogliamo essere più precisi "osservazione". Di cosa si è accorto osservando l'uomo giocare? Forse di qualcosa di misterioso, che vive in lui è che la filosofia e la scienza con difficoltà tentano di afferrare. Forse quella magia che […]

read more >

Il CERVELLO CHE IMPARA E RICORDA

Quante volte il corpo e il movimento senza dominio sono stati accusati di essere la causa di deficit di attenzione e apprendimento, mentre in realtà erano vittime di uno squilibrio energetico ed emozionale? Ecco arrivare una bella etichetta che ci  indirizza verso i tecnici delle funzioni a curare disfunzioni. Esiste un confine ben chiaro tra malattia disturbante e incapacità […]

read more >

LA REGOLAZIONE EMOTIVA

La regolazione degli affetti ha a che fare con il modo in cui gestiamo le nostre emozioni: come affrontiamo la tristezza, la rabbia, la paura e la gioia. I segnali della disregolazione emotiva sono legati principalmente alla incapacità di percepire e sentire le nostre emozioni e il nostro corpo. Spesso allora siamo sopraffatti dalle nostre emozioni, o sentiamo che qualcosa […]

read more >

GUARIRE DALLA PAURA E DALLA SOLITUDINE

“Ogni studente suona il suo strumento, non c'è niente da fare. La cosa difficile è conoscere bene i nostri musicisti e trovare l'armonia. Una buona classe non è un reggimento che marcia al passo, è un'orchestra che prova la stessa sinfonia. E se hai ereditato il piccolo triangolo che sa fare solo tin tin, o lo scacciapensieri che fa soltanto bloing bloing, la cosa importante è […]

read more >

FANTASIA

“Ci dobbiamo occupare dei bambini e dare loro la possibilità di formarsi una mentalità più elastica, più libera, meno bloccata, capace di decisioni. E direi, anche un metodo per affrontare la realtà, sia come desiderio di comprensione che di espressione. Quindi, a questo scopo, vanno studiati quegli strumenti che passano sotto forma di gioco ma […]

read more >

DOMATORI D’INFANZIA

Perchè l'uomo ha sempre voluto sottomettere al suo potere la natura e gli animali? Cosa scatta nella sua mente paurosa quando si sente invaso dalla forza del monto naturale ?. Pare che l' unica possibilità di sopravvivenza sia superare la sua inferiorità verso energie a lui superiori. Ma l'uomo ha un arma in più, la dualità del pensiero ( guerra e pace) […]

read more >

CREATIVITA’ E RESILIENZA

Quando la vita rovescia la nostra barca, alcuni affogano, altri lottano strenuamente per risalirvi sopra. Gli antichi connotavano il gesto di tentare di risalire sulle imbarcazioni rovesciate con il verbo ‘resalio’. Forse il nome della qualità di chi non perde mai la speranza e continua a lottare contro le avversità, la resilienza, deriva da qui. Pietro […]

read more >

UOMO O MACCHINA

Perchè l'uomo ha avuto necessità di creare con raffinati pensieri di insieme la macchina? Non certo per sedersi e far fare tutto alle macchine, quali strumenti sostitutivi delle sue facoltà operative di natura corporea. Certo, perchè il corpo inteso come strumento e non come unità psico-fisica, riduce l'uomo alle sua funzione biomeccanica.  Anche in educazione è possibile […]

read more >

IO SONO LIBERO

Io sono il tuo primo respiro  Il sorriso del tuo cherubino L'aquila che non atterra La farfalla che non si lamenta La carezza di tua madre L'assenza di tuo padre L'inverno a mani nude La rosa che non nutre Il sangue di una tua caduta Il dono di un maestro Una lettera persa dal messo La rabbia di un illusione […]

read more >

STILL FACE PARADIGM

E' una procedura strutturata di osservazione dell'interazione bambino-caregiver durante i primi 6 mesi di vita del bambino, ideata come situazione sperimentale di ricerca clinica per lo studio della depressione materna. La procedura prevede la videoregistrazione, per alcuni minuti, della madre con il proprio bambino, posizionato in un infant-seat, mentre la madre esegue la consegna di […]

read more >

CREATIVITA’ E IMPOSSIBILITA’

Ogni processo creativo si confronta con l'impossibile, così come ogni tentativo di comunicazione tra esseri senzienti pensanti. Questo perchè nella realtà è impossibile intendersi veramente, così come negli amanti che si parlano parlano parlano e non si intendono mai. Tant'è che l'amore si manifesta quando cala il silenzio. Ogni atto creativo si manifesta attorno ad un […]

read more >

POTENZIARE LE FUNZIONI

È possibile sviluppare una funzione senza correre il rischio di compromettere il sistema ? E’ possibile non inquinare un sistema che ci accoglie come nutrimento, ma che in realtà non è in grado di riconoscerci ? e quindi di non darsi alla fuga ! Gli animali in questo (certo non gli animali domestici) hannno mantenuto un istinto […]

read more >

LEZIONI APERTE

Siamo arrivati alla fine dell'anno scolastico ed è giunto il momento di far vedere qualcosa di quello che siamo! Certo è proprio quello che "siamo" che deve cogliere chi ci osserva, non certo quello che facciamo o come lo facciamo. Qui il giudizio non è menzionato non esiste il bello e il butto, il leader […]

read more >

LEZIONI D’AUTORE

“Il cavaliere errante senza innamoramento è come arbore spoglio di fronde e privo di frutta; è come corpo senz'anima.” Miguel De Cervantes Il Don Chisciotte che lotta contro i mulini a vento è la metafora della ricerca dell’identità e di quella persa, dell’uomo che si è smarrito nella pazzia dell’hidalgo o nell’ignoranza di Sancho Panza, quest’ultimo però portatore anche […]

read more >

LA MAGIA DELLA MEMORIA

“Sappiate che non c’è nulla di più sublime, di più forte, di più salutare e di più utile per tutta la vita, di un buon ricordo e soprattutto di un ricordo dell’infanzia, della casa paterna. Vi parlano molto della vostra educazione, ma qualche meraviglioso, sacro ricordo che avrete conservato della vostra infanzia, potrà essere per voi la migliore delle educazioni. Se un uomo porta con sé molti di questi ricordi nella vita, egli sarà al sicuro fino […]

read more >

LA COSA PIU’ IMPORTANTE

Quamte volte dimentichiamo che il Cristo e tra noi, nello sguardo triste di un bambino,  nel suo correre felice !  Facciamo tante parole,  progetti, pensando  di  avere il  controllo, e  che avere tutto sotto controllo  sia la cosa più importante, soprattutto in educazione. Ma potrebbe non essere così …..    Ora, mentre essi erano in cammino, avvenne che egli […]

read more >

LO SVILUPPO DELL’INTELLIGENZA

Ragionare sul cervello umano e sull’intelligenza artificiale (AI) oggi è essenziale: l’evoluzione delle tecnologie ci spinge a riflettere in maniera seria, per comprendere gli scenari futuri e – lo diciamo subito – per sottolineare la irriproducibilità di ciò che sta dentro il nostro cranio. Partiamo da qui perché vale la pena comprendere come l’innovazione possa […]

read more >

ISTINTO PRIMORDIALE

La teoria dei tre cervelli di Paul MacLean Paul MacLean è stato l’antesignano della teoria dei tre cervelli, oramai dimostrata. Il cervello viene visto nei suoi tre sistemi principali: il cervello Rettiliano (tronco dell'encefalo), il cervello Mammifero (sistema limbico) e la Coscienza (neocorteccia). La teoria è evoluzionistica: Il cervello rettiliano, il più antico, è la sede […]

read more >

IO STO BENE A SCUOLA , LA GRANDE ALLEANZA

Abbiamo ripetuto più volte l'importanza di vivere "bene" la scuola, di renderla un luogo di esperienza, conoscenza, meraviglia e amicizia; un luogo dove trascorrere il tempo sentendoci amati e riconosciuti. Purtroppo non è sempre così, e si inizia ad ammalarsi di "fuga scolastica" già nell'infanzia. Non vuole essere un messaggio di accusa a nessuno, e tantomeno  voler elencare […]

read more >

IL RICORDO DI SE’

Ci sono dei momenti in cui la coscienza di un essere umano accede a esperienze passate ? Queste esperienze che arrivano dal passato personale, familiare e collettivo quali informazioni ci portano ? E’ possibile che che ogni singola evoluzione non possa essere indipendente dalle esperienze passate, e che quindi si debba lavorare per portarle alla […]

read more >

I BAMBINI CHIEDONO AIUTO

Sono  convinto che lo sviluppo avvenga nel contesto della relazione genitori-figli. In questo modo il bambino sviluppa la capacità di auto-regolarsi, di condividere l’attenzione, essere reciproco, esplorare ed imparare. Il numero di casi  iniziano ad essere preoccupanti!. I bambini sono sempre più in difficoltà ! Quante sono le famiglie, che pensano di aver messo al mondo un bambino da […]

read more >

IL GIOCO TRA FUNZIONE E COGNIZIONE

In questo articolo,  alcuni spunti di riflessione di cosa è il gioco per la  programmazione dell’attività psicomotoria educativa . In primo luogo, il gioco deve sempre nascere da  un bisogno-desiderio ( per esempio il riconoscimento dell’individuo) che unisce il gruppo dei bambini partecipanti creando motivazione. La partecipazione al gioco non ha strutture temporali, quindi può   interagire   attivamnte o passivamente in base […]

read more >

I REGALI EDUCATIVI

Qual'è il miglior regalo che possiamo fare a un figlio ? Stiamo tutti pensando a qualcosa che lo renderà nell'immediato felice!!! Pronti quindi a riempirli di baci, complimenti e oggetti desiderati ?.  Siamo sicuri che è questo che desiderano veramente i bambini ? Io credo che il desiderio di ogni bambino sia di sentirsi protetto dai […]

read more >

I BAMBINI VANNO PERSUASI

Ogni educatore deve avere in sè il talento di emozionare e incantare i bambini nel suo narrare e raccontare la vita in modo avventuroso.     Giorgio Nardone   La parola e le immagini, sono gli strumenti più potenti che abbiamo, per interessare i bambini e per relazionarci con loro in modo affettuoso e rassicurante. E se non sono capace a drammattitzzare […]

read more >

EMOZIONI E COGNIZIONE

“Solamente l’uomo ostacola la sua felicità con cura, distruggendo ciò che è, con pensieri di ciò che dovrebbe essere.” [John Dryden, 1670]   L'educazione, per molti educatori, è ancora basata sul senso di colpa e sulla paura, purtroppo!!! E' un tipo educazione che è andata e va  per la maggiore in molte scuole del nostro […]

read more >

EDUCARE ALLA VITA

Le situazioni di disagio nella scuola sono all'ordine del giorno, viviamo in una società dove la comunicazione è impossibile, ognuno prigioniero dalla propria "sofferenza" e  pronto a difendersi con violenza ogni volta che qualcuno se ne accorge. Non possiamo rimanere a guardare senza domandarci in merito……. Sono molti i bambini che vivono il disagio affettivo  imposto negli ambienti educativi […]

read more >

MIGLIORARE I PROCESSI DI APPRENDIMENTO

Secondo Feuerstein, l'intelligenza è la capacità di modificazione cognitiva; attraverso la capacità di apprendere autonomamente e costantemente. Il fattore cognitivo, inteso come l'elemento che costituisce la struttura del nostro comportamento, deve essere sempre modificabile per affrontare i cambiamenti continui del mondo in cui viviamo, unito al fattore emotivo che invece è l'elemento energetico. Il mediatore è […]

read more >

CHE COSA E’ LA CREATIVITA’

Più che uno skill, una capacità che si può imparare, è un mindset: un atteggiamento mentale che va coltivato. È pensiero flessibile, aperto, rispettoso… comprende la possibilità di imparare dal fallimento e l’attitudine a esplorare lacune e incongruenze. Pensiero critico e pensiero creativo sono diversi: il primo è capace, applicando strumenti analitici, di intercettare le risposte sbagliate, ma il […]

read more >

VIOLENZE RIMOSSE

L’opinione pubblica è ancora ben lontana dall’essere consapevole che tutto ciò che capita al bambino nei suoi primi anni di vita si ripercuote inevitabilmente sull’intera società, che psicosi, droga e criminalità sono l’espressione cifrata delle primissime esperienze. (…) Poiché non credo nell’efficacia delle ricette e dei consigli, ritengo che il mio compito non stia tanto nel […]

read more >

OGGETTO DELLA RELAZIONE

La costruzione del vero Sè o del falso Sè secondo Winnicott Winnicott (1960) pensa che vi sia un Sé “potenziale o nucleare”, espressione di “una potenzialità ereditaria di sentire la continuità dell’esistenza e di acquisire a modo proprio e con un proprio ritmo una realtà psichica e una schema corporeo personali” . Proprio lo stretto legame che […]

read more >

I CENTO LINGUAGGI DEI BAMBINI

Forse c'è qualcosa di più delle solite e noiose attività svolte a scuola dai bambini, spesso a riempimento di giornate che  sembrano non finire mai, per i bambini, ma soprattutto per insegnanti ed educatori. Perdonatemi lo sfogo, ma non posso tenermi dentro il "fastidio" che provo a vedere i bambini riempire di colore senza emozioni infinite quantità di fotocopie senza […]

read more >

PEDAGOGIA DEL CORPO

Il giocare, il gioco costituisce il più alto grado dello sviluppo del bambino, dello sviluppo dell'uomo in questo periodo.Poiché è la rappresentazione libera e spontanea dell'interno, la rappresentazione dell'interno per necessità ed esigenza dell'interno stesso.Il gioco è la manifestazione più pura e spirituale dell'uomo in questo periodo e insieme l'immagine e il modello della complessiva […]

read more >

IL BAMBINO TERRIBILE

  CONFERENZA DI BERNARD AUCOUTURIER : “IL DISAGIO INFANTILE IN FAMIGLIA E A SCUOLA". Difficoltà di comportamento e di apprendimento scolastico:   "  proposte educative e pedagogiche "   Università Bicocca – Milano – 6 marzo 2014   Il corpo nel contesto accademico è un corpo di cui si parla accostandolo con sguardo patologizzante. Ma sembra che […]

read more >

RADICI

«Perché gli alberi hanno una gamba sola?», mi ha chiesto una volta un bambino cogliendone la caratteristica che, insieme al legno che ne forma i tessuti, più li distingue nel mondo vegetale. Mettendo da parte la botanica, ho risposto che a loro basta, perché sono gli esseri che meglio tengono in equilibrio se stessi, il […]

read more >

EDUCARE CON LE FIABE

Le fiabe, le favole, i racconti sono un genere narrativo che permette ai bambini di esprimere la propria vita interiore, le proprie emozioni, i sentimenti, la fantasia e di utilizzare la lingua nella sua funzione immaginativa per creare un mondo proprio, attraverso il gioco della finzione e dell'invenzione fantastica. Attraverso la proposta di storie, racconti, […]

read more >

VALORI

I valori sono la polpa dell'educazione; sono come il profumo della lavanda, senza profumo è solo fieno. Così l'educazione, senza Valori perde tutto, non esiste nemmeno si riduce ad allevamento.  Don Pino Pellegrino.     Se possiamo lasciare ai nostri allievi un dono, facciamo che sia l'entusiasmo. Non abbiamo mai smesso di incoraggiarli, e proteggerli dalle paure del […]

read more >

DIALOGO CON UNA MAESTRA

In questo articolo, voglio raccontarvi di una conversazione avvenuta alcuni anni fà con una collega della scuola dell’infanzia. Ero come mio solito fare, soffermarmi qualche minuto tra le classi nel momento dell’ingresso in aula, quando i bambini, spinti da un accordo non verbale mi si sono gettati addosso con evidenti ed energici gesti di affetto. Mantenere […]

read more >

LA FELICITA’ E LA CREAZIONE DI VALORE.

Secondo Makiguchi l’uomo è felice e realizza il suo potenziale creando valori di varia natura: materiali, etici ed estetici. La felicità cui Makiguchi fa riferimento è, pertanto, una felicità pragmatica, che emerge dalla capacità dell’individuo di sapersi coinvolgere totalmente nelle vicende umane proprie, degli altri e della comunità, in una sorta di commistione di bene […]

read more >

I BISOGNI SI OSSERVANO DALL’AGIRE

Un bambino che da zero a sei anni vuole agire, muoversi continuamente,non può capire le esigenze di un insegnante che deve andare di fretta per concludere la sua intenzione. La lentezza, serve al bambino per organizzare e strutturare il  suo pensiero,  necessario a prepararsi a quello che dovrà superare nella crescita. I bambini non vivono nel tempo, ma se noi togliamo a […]

read more >

IL BAMBINO NATURALE

  Alla base della concezione pedagogica di Rousseau si ritrova la forte opposizione tra natura e cultura: allo stato di natura l'uomo vive in una condizione di uguaglianza e libertà, nella società e con la cultura si trova costretto tra imposizioni e disuguaglianza. Sulla base di queste premesse l'autore postula che l'educazione debba necessariamente essere naturale. […]

read more >

NUOVO MONDO

    Il bambino che ha sentito fortemente l’amore all’ambiente e agli esseri viventi, che ha trovato gioia ed entusiasmo nel lavoro, ci fa sperare che l’umanità possa svilupparsi in un senso nuovo. La nostra speranza per la pace futura non risiede negli insegnamenti che l’adulto può dare al bambino, ma nello sviluppo normale dell’uomo […]

read more >

LA FIDUCIA DI BASE

La fiducia di base è la matrice di un pensiero libero e creativo. Senza la fiducia di base, il bambino rischia di cadere nell'angoscia del pensiero difensivo, e quindi nella sofferenza della paura. E' quello che accade quando si rimette la colpa agli altri per qualsiasi evento traumatico dell'esistenza. Quando si pensa che il mondo sia un luogo pieno […]

read more >

MAESTRI

Manzi trova nella psicomotricità, introdotta in Italia negli anni settanta, una preziosa alleata per le sue molteplici applicazioni, oltre a quella terapeutica con cui era stata inizialmente conosciuta ed introdotta. Ne ammirò le potenzialità educative e preventive, che si potevano esprimere attraverso il movimento, che era un’abilità da sviluppare, come tante altre, poiché costituiva una […]

read more >

LE EMOZIONI PRIMARIE

L’educazione emotiva nella scuola dell’infanzia La competenza emotiva così definita include abilità come: esprimere adeguatamente le proprie emozioni in base alle circostanze, riconoscerle negli altri, essere consapevoli di quello che si prova, sapervi dare un nome, entrare in risonanza empatica con le emozioni altrui senza esserne sopraffatti, utilizzare strategie di regolazione per modulare la propria […]

read more >

SENZA PAURA

La paura si supera solo affrontandola! Capita di non trovare il coraggio interiore di affrontarla, allora diventa fondamentale che qualcuno ci spinga con amore ad indagare il nostro mondo interiore. Il coraggio per il bambino è ancora più difficile destreggiare, ecco allora in suo aiuto gli strumenti della tradizione letteraria. Nel racconto di sè il […]

read more >

ROUTINE E RITUALI

Tutti i rituali, anche quelli di ogni giorno, a cui non facciamo caso, hanno un significato più profondo. Alcuni rituali inoltre richiedono degli ingredienti, che dovrebbero essere preparati in anticipo. Con i bambini la preparazione è il segreto e gli ingredienti sono spesso piuttosto semplici. Ogni rituale ha un inizio, uno svolgimento e una fine. […]

read more >

INTELLIGENZE MULTIPLE

La teoria delle intelligenze multiple è stata inserita nel libro ‘Frames of the Mind’, scritto nel 1983 e conosciuto in Italia come ‘Formae mentis’, in cui si sosteneva l’esistenza di diverse forme di intelligenza in aggiunta a quelle già conosciute. Secondo Gardner, i test usati per misurare l’intelligenza sono volti a rilevare soltanto due tipi […]

read more >

LA COMUNICAZIONE E LA RELAZIONE EDUCATIVA

Il termine comunicare deriva dal latino “communicare”, da “communis” “comune” che significa trasmettere, partecipare agli altri messaggi tramite segni, parole, relazioni. Affinché la comunicazione possa avvenire è necessario che vi siano almeno due soggetti: un emittente e un ricevente. Si crea, così, una bidirezionalità vale a dire una dinamica relativa a parole, gesti, sguardi che […]

read more >

FILOSOFIA DEL CORPO

«Tra tutte le cose spaziali della mia sfera universale pratica il “mio” corpo è la più originariamente mia, la mia proprietà originaria, la mia proprietà duratura, duratura nella mia disposizione, la più originaria e l’unica immediata che è a mia disposizione. Ciò di cui (da bambino) mi sono appropriato come prima cosa e immediatamente e […]

read more >

IL SENSO DEL GIOCO

Le cose che il bambino ama rimangono nel regno del cuore fino alla vecchiaia, la cosa più bella della vita è che la nostra anima rimanga ad aleggiare nei luoghi dove una volta giocavamo. Kahlil Gibran Il gioco è essenziale per lo sviluppo, perché contribuisce al benessere cognitivo, fisico, sociale ed emotivo dei bambini. Il […]

read more >

DA DOVE INIZIA IL MOVIMENTO ?

“La sorprendente struttura del corpo umano con le sue incredibili possibilità d'azione rappresenta uno dei maggiori miracoli dell'esistenza. Ogni fase del movimento, ogni minimo trasferimento di peso, ogni singolo gesto di qualsiasi parte del corpo rivela un aspetto della nostra vita interiore. Ogni movimento ha origine da una sollecitazione interna, causata da una impressione sensoriale […]

read more >

CORRI SALTA LANCIA

Ogni volta che si compie una azione il bambino si muove con schemi corporei NATURALI e INTUITIVI. La prima azione è il correre, sempre quando si apre davanti a se uno spazio esplorabile che attrae il piacere della scoperta. Segue il lanciare gli oggetti per sondare cosa accade senza esporsi a rischi in prima persona […]

read more >

Guardami

I bambini dicono spesso la parola guardami quando giocano interagendo con il mondo, soprattutto in presenza di un adulto sensibile. Che sia un geniitore , un parente, o un educatore; il bambino desidera che sia presente nel suo agire. Vuole che si sintonizzi con lui nel momento presente della sua esperienza. Ogni distrazione causa in […]

read more >
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.